LAZIO VERTICALE : 21 Febbraio 18:30 - Bottega del Terzo Settore (via Trieste 18)

 

 

Attachments:
Download this file (lazio_verticale.pdf)lazio_verticale.pdf[ ]1862 kB

INVECE DELLE CIASPOLE

MONTE TILIA DA LEONESSA (RIETI)

QUANDO IL VENTO CALDO ROVINA IL SONNO E I PROGRAMMI

Ammettiamo di aver perso una battaglia... la neve gioca a nascondino... e si è nascosta bene...

Noi però non ci arrendiamo, e subito troviamo una bella alternativa, andandocene sui Monti Reatini per raggiungere la vetta del Monte Tilia, da cui ammirare la valle di Leonessa e muovendo passi sopra ad una fetta di storia Angioina.

 

 

Attachments:
Download this file (relazione tilia na.pdf)relazione tilia na.pdf[ ]948 kB

CIASPOLATA DEL 16.02.2020

CIASPOLE IN APPENNINO

ALLA RICERCA DELLA NEVE IN UN INVERNO AVARO DI PRECIPITAZIONI

Anello della Majelletta

Dal parcheggio dell’Albergo Mamma Rosa al Blockhaus

Spolverate le vostre Ciaspole! Abbiamo trovato una località che ha conservato bene la poca neve caduta... Ci ritroveremo tutti in via Recanati, domenica 16 febbraio, per partire alle 7,15 in direzione di Passo Lanciano, e raggiungere il parcheggio antistante l'Albergo Mamma Rosa. Da li ci avvieremo per una escursione che ci porterà a salire su un emozionante balcone, con vista sulla Majella innevata, e che ci farà sentire gli echi storici della dominazione asburgica.

L'escursione è adatta per chi è abituato a fare esercizio fisico, e prevede l'uso di equipaggiamento invernale.

Prenotatevi presso la sede del CAI, mercoledì o venerdì dalle 19 alle 20.

Per i dettagli consultare la relazione.

 

Attachments:
Download this file (relazione.pdf)relazione.pdf[ ]748 kB

31 Gennaio : "LA SACRALITA' DELLA MONTAGNA" Umberto Sansoni

 

facebook

PROMOZIONE BALLONI SPORT PER I NOSTRI SOCI

Balloni Sport, in via Piceno Aprutina 37 ad Ascoli Piceno (di fronte al Bazar L’Assassino), propone ai soci CAI uno sconto speciale sulla linea CRAZY IDEA, azienda produttrice di abbigliamento da sci e sci alpinismo: il 30% sui capi in negozio e il 20% sulla stagione primavera/estate, oltre che su tutti gli altri marchi trattati.
 
 
 

2 Febbraio 2020 l'Alpinismo Giovanile si ritrova sulla Montagna dei Fiori per la ciaspolata

E NEVE SIA!!!
il 2 febbraio 2020  l'Alpinismo Giovanile si ritrova  sulla  Montagna dei Fiori per la ciaspolata.
Partenza ore 8.00 da via Recanati e rientro per le ore 14.30 in via Recanati 
Pranzo al sacco e sacchettino dei vestiti di ricambio da lasciare in auto. 
 

Venerdì 31 Gennaio : SERATA CON EZIO MARLIER - 31 GENNAIO A MACERATA

il prossimo 31 gennaio p.v. i  Gruppi Regionali Umbria e Marche hanno organizzato una serata con la Guida Alpina Ezio Marlier, anche quale evento formativo per gli Istruttori delle Scuole di Alpinismo umbre e marchigiane, d'intesa con i relativi Direttori.

La serata si svolgerà venerdì 31 gennaio p.v. alle 20:30 a Macerata presso la "Domus San Giuliano" (in Via Cincinelli, 4, poco distante dalla stazione),  sarà aperta a tutti gli appassionati di montagna.

Ezio Marlier è un'eccellente Guida Alpina valdostana, oltre che un alpinista completo che ha aperto vie sulle montagne di tutto il mondo, anche se il Monte Bianco e le Alpi restano il suo terreno principale. Da anni icona dell'arrampicata su ghiaccio e misto, pratica anche arrampicata sportiva su ottimi livelli e, grazie al mestiere di guida alpina, vive la montagna quotidianamente.

Free Way è il racconto della sua crescita personale, come alpinista e come uomo. Ezio si soffermerà anche sull'aspetto dell' evoluzione delle tecniche e dei materiali alpinistici.

 

 

SABATO 18 GENNAIO H18:15 Incontri D’Inverno 2019 : Bottega del Terzo Settore, Corso Trento e Trieste n.18 (ex cinema Olimpia)

FRANCESCO SALADINI E MAURIZIO CALIBANI, PILLOLE DI STORIA DEL CAI DI ASCOLI NEL NOVECENTO
Montagna, ma non solo. L’incontro con Francesco Saladini, avvocato, classe 1933 e Maurizio Calibani, insegnante in pensione, classe 1937, tra i pionieri dell’alpinismo ascolano moderno, si pone in continuità ideale col racconto di Dario Nanni, nel solco della storia della sezione CAI ascolana.  Questa volta, per narrarne mutamenti, lacerazioni e ricomposizioni che ne svelano, almeno in parte, l’identità odierna, radicata in un consapevole impegno ambientalista e sociale.  Francesco e Maurizio sono stati difatti tra i protagonisti della scissione del Gruppo Alpinisti Piceni da un CAI ascolano ancora impaludato in un alpinismo di rappresentanza, in cui infine riconfluiranno con i loro compagni, per cambiarne radicalmente contenuti e metodi anche grazie ad una fertile 'contaminazione' con l'ambiente dell'alpinismo romano. Seguirà nei decenni successivi la stagione delle lotte ambientaliste contro gli scempi ambientali e per la costituzione del Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

 

Attachments:
Download this file (Il CAI ascolano nel 900.pdf)Il CAI ascolano nel 900.pdf[ ]798 kB
Download this file (locandina_compressed.pdf)locandina_compressed.pdf[ ]1048 kB
Download this file (pieghevole-web.pdf)pieghevole-web.pdf[ ]428 kB

SICURI CON LA NEVE 2020

Incontri D’Inverno 2019 : SABATO 11 GENNAIO 18:15 Bottega del Terzo Settore, Corso Trento e Trieste

Maria Luce Sestili e Dario Nanni, Antonio Orsini, un gigante ai confini del Regno

Maria Luce Sestili, insegnante ascolana presso il prestigioso Istituto Tecnico Agrario “C. Ulpiani”, ha dedicato anni di ricerca a ricostruire la vita del conterraneo Antonio Orsini, personaggio di straordinaria poliedricità: farmacista, botanico, scienziato e scopritore di nuove specie vegetali e animali, stimato dai più celebri colleghi europei.  Ma anche pioniere dell’alpinismo appenninico e primo salitore del Corno Piccolo, come ha svelato l’arch. Dario Nanni.  E ancora, patriota e ufficiale nella Prima Guerra d’Indipendenza, quindi decorato e nominato senatore. Uno spirito curioso e indomito che incarna lo spirito laico ottocentesco, nel suo ribollire di aneliti alla libertà della scienza contro l’oscurantismo, all’indipendenza dei popoli dalla tirannia. Grazie alla scrittura scorrevole di Maria Luce e al ricco sfondo epistolare e iconografico, il bizzarro e affascinante “Sor Antonio” si staglia a paradigma di una rinascenza culturale, politica e morale: eroe dell’Italia migliore, non fatta “per viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”.

Attachments:
Download this file (locandina_compressed.pdf)locandina_compressed.pdf[ ]1048 kB
Download this file (pieghevole-web.pdf)pieghevole-web.pdf[ ]428 kB