corso di escursionismo in ambiente innevato 2016

Informiamo che le ISCRIZIONI al corso sono SOSPESE per il raggiungimento del numero massimo di partecipanti.

Corso di Escursionismo in ambiente innevato

La Montagna Incantata

Sabato 16 Gennaio 2016, ore 18 presso Libreria Rinascita di Ascoli Piceno verrà presentata la guida scialpinistica “La Montagna Incantata”

Guida allo scialpinismo nell’Appennino Centrale
“La montagna incantata”
237 itinerari scialpinistici di Luca Mazzoleni.
Nuova edizione aggiornata e ampliata.

Questa nuova edizione de “La Montagna Incantata” segue il successo della prima uscita nel 2004 ed esaurita da tempo. Completamente rivista nella grafica e nel formato, con nuove immagini e più di 30 nuovi itinerari che vanno ad aggiungersi ai 204 della prima edizione, tutte gite che si svolgono nei maggiori gruppi montuosi dell’Appennino Centrale, dai Monti Sibillini alla Maiella, dal Gran Sasso ai Monti del Parco Nazionale d’Abruzzo.

Ciascun itinerario è illustrato da una scheda tecnica descrittiva e da una cartina schematica del percorso; a completare il tutto una selezione di foto a colori.

Il lavoro è suddiviso in due volumi per un totale di circa cinquecento pagine. La guida è introdotta da uno scritto di Toni Valeruz, grande sciatore dell’estremo e scialpinista appassionato del Gran Sasso, e dalla lettera autografa che scrisse il grande scrittore di montagna Mario Rigoni Stern in seguito alla pubblicazione della prima edizione. Presentazione di Stefano Ardito, giornalista e fotografo, grande appassionato della montagna e profondo conoscitore dell’Appennino, autore di numerose guide e pubblicazioni del settore e collaboratore delle maggiori riviste specializzate nazionali.

Patrocinano l’opera i gruppi regionale del CAI Abruzzo e Lazio e tutti i Parchi Nazionali e Regionali dell’Appennino: Monti Sibillini; Monti della Laga e Gran Sasso; Maiella; Simbruini-Ernici; Sirente-Velino, Parco d’Abruzzo, Lazio e Molise.


Luca Mazzoleni, nato a Roma, vive a Pietracamela (TE) alle pendici del Gran Sasso.

Iscritto alla sezione romana del Club Alpino Italiano nel 1977, è tra i fondatori della Sottosezione C.A.I. di Pietracamela, di cui è stato Presidente dal 2009 al 2015. Dal 1982 al 1987 la sezione di Roma del Cai gli affida la gestione del rifugio Duca degli Abruzzi al Gran Sasso. Nel 1988 ottiene la gestione sempre dal Cai di Roma del rifugio Carlo Franchetti al Gran Sasso, rifugio di cui tuttora si occupa.
Dal 1994 al 2006 ha fatto parte del Corpo Nazionale Soccorso Alpino, quale volontario della stazione di Teramo e tecnico di elisoccorso presso la base dell’elisoccorso del 118 dell’Aquila. E’ autore delle guide “La montagna incantata, 204 itinerari di scialpinismo nell’Appennino Centrale”, Porzi Editoriali 2004 e della successiva edizione della stessa per Iter Edizioni nel 2015. E’ autore anche della guida “Alta via scialpinistica dell’Appennino Centrale” Porzi editoriali 2010. Per la casa editrice “Il Lupo” ha curato la tracciatura degli itinerari scialpinistici sulle carte escursionistiche di Gran Sasso, Maiella, Terminillo e Velino-Sirente.
In estate è su al rifugio Franchetti, in inverno vicino la stufa a Pietracamela o in giro per montagne con il cane e gli amici.

Attachments:
Download this file (cop_vol_1_DEF.jpg)Copertina volume 1[ ]327 kB
Download this file (cop_vol_2_DEF.jpg)Copertina volume 2[ ]247 kB

Perché non credo nel CAI dei servizi

Riportiamo l'articolo scritto da Paola Romanucci e pubblicato sul bolg di Alessandro Gogna (banff.it)


Scusandomi per aver trovato solo ora il tempo (ma “è il volontariato, bellezza”), cercherò di spiegare perché non credo al CAI evocato dai documenti congressuali che demanda a un’“azienda profit” di erogare servizi ai soci “e al resto del mondo”.

Perché la montagna non è un servizio essenziale, ma una scelta che è bello lasciare aperta a più opzioni: imparare a frequentarla in modo consapevole e autonomo, da soli o con il CAI, oppure affidarsi a professionisti.

C’è spazio per tutti.

Perché l’obiettivo legittimo di una soggetto professionale che “offre servizi” nell’ambito della montagna è di trarne un giusto profitto.

L’obiettivo di un volontario del CAI è di trasmettere ad altri la propria passione e conoscenza, per il puro gusto di farlo.

Un sapere modesto e limitato, se vogliamo: ma il proprio, non quello di altri.

A piedi, sugli sci, in sella a una bici o in parete, questa è forse la radice più profonda di ogni “volontario della montagna”.

Interporre i professionisti tra la passione dei volontari e i soci finirebbe per essiccare quella radice che ci identifica e ci lega, noi tutti così diversi, dentro lo stesso sodalizio.

E un CAI che scegliesse di “offrire servizi” tramite soggetti professionali sarebbe presto orientato a incontrare sempre di più la “domanda” di montagna “facile e sicura”: ciaspolate, scialpinistiche medio-facili, ferrate; perché no, utilizzo di mezzi di risalita e magari perfino eliski.

Con buona pace del Bidecalogo.

IX Corso di Scialpinismo SA2 2016

Si svolgerà dal 15 gennaio al 19 giugno il IX corso di scialpinismo organizzato dalla Scuola di Scialpinismo del Piceno.

Presentazione del corso e iscrizioni  venerdì 15 gennaio 2016 alle ore 21:00 presso la sede CAI di Ascoli Piceno.

Attachments:
Download this file (brochure 2016 1.pdf)Brochure 1[ ]1374 kB
Download this file (brochure 2016 2.pdf)Brochure 2[ ]5300 kB

Auguri

Cari Soci,

quest'anno affidiamo i nostri Auguri ad una poesia (con la traduzione sotto, niente paura), celebre negli anni 70 fra i Figli dei Fiori. Che la conosciate o no, contiene buone dritte per vivere meglio, con se stessi e con gli altri.

Perchè, alla fine della fiera, il CAI è soltanto un modo come tanti di fare comunità, col pur nobile "pretesto" della montagna: come in tutte le comunità, si buttano nel mucchio passioni esperienze e conoscenze, si fanno progetti, si discute, si litiga e si scherza, si fatica e, alla fine, ci si rilassa (in genere con le gambe sotto a un tavolo), assieme. Una vera comunità, in cui le persone si incontrano dal vivo e non su Facebook, escono col sole o sotto l'acqua e non soltanto per un aperitivo. E così imparano a conoscersi, a sopportarsi, a rispettarsi e sostenersi a vicenda. In breve, a convivere intorno a quello che costruiscono assieme, giorno dopo giorno.

Scusate se è poco.

Programma 2016

PROGRAMMA 2016E' disponibile, in formato pdf, il programma sezionale del 2016.

Inoltre è possibile scaricare il pdf del calendario 2016 con le foto vincitirici del 1° concorso fotografico organizzato dalla Sezione.

Attachments:
Download this file (calendario2016-4.pdf)Calendario 2016[ ]5584 kB
Download this file (PROGRAMMA-2016.pdf)Programma 2016[ ]6668 kB

Annullamento escursione domenica 13 dicembre.

L'escursione del ciclo "I Sentieri dello Spirito", dall'Eremo di San Lazzaro del Valloncello per la cascata de "Lu Cugnuntu" in Valnerina, programmata per il 22 novembre e poi posticipata al 13 dicembre, è stata annullata. Ci scusiamo per l'imprevisto non dipendente dalla nostra volontà.

Salita al monte Polluce

Sabato 28 novembre, alle ore 18.30, presso la sede, si terrà una proiezione sulla salita al Polluce effettuata dai soci Emidio B. e Fabio A.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo