Escursionismo

DOMENICA 28 GIUGNO DA COSSITO AL MONTE INVERSATURO PER LA CHIESETTA DI SANT’EGIDIO

Seconda uscita della serie “Ripartiamo col piede giusto” e questa volta è di scena la Laga del versante amatriciano. La partenza infatti avverrà da Cossito, uno dei paesi cancellati dal feroce sisma di pochi anni or sono. Ha distrutto le case, ma nulla ha potuto nei confronti del bel sentiero lastricato, perimetrato da muretti a secco che risale il torrente Lagozzo fino alla chiesetta di Sant’Egidio. Lo percorreremo per raggiungere il Monte Inversaturo e la capanna della locale Comunanza agraria. Lo faremo rispettando le regole che il protocollo anti-Covid ci impone, mantenendo le giuste distanze e indossando la mascherina quando la circostanza lo richiede, proprio come fa il ligio accompagnatore della fotografia.
Ricordate che il numero dei partecipanti è limitato a 10 (oltre ai 2 accompagnatori) e che resta fuori chi arriva ultimo.

 

RIPARTIAMO CON IL PIEDE GIUSTO! AI CONFINI DEL PARCO

Domenica 21 giugno 2020 ce ne andremo sul Monte Ceresa a camminare su di un anello che, partendo da Piedilama, ci porterà su una cresta panoramica, da cui volgere lo sguardo verso la Laga a sud ed i Sibillini a nord, attraversando una stupenda faggeta, per far ritorno all'abitato di Pretare con le sue cicatrici. Sarà il battesimo escursionistico per risollevarci dopo l’ennesima dura prova occorsa ai nostri territori.
L'iscrizione è riservata a 10 soci della sezione di ASCOLI PICENO con prenotazione obbligatoria, su WhatsApp, o SMS,  al 328 2241428 entro le ore 20 di venerdì 19 giugno, previa visione delle “Note operative per i partecipanti” e compilazione del “Modulo di auto dichiarazione”, da consegnare compilato agli accompagnatori prima della partenza.

 

INVECE DELLE CIASPOLE

MONTE TILIA DA LEONESSA (RIETI)

QUANDO IL VENTO CALDO ROVINA IL SONNO E I PROGRAMMI

Ammettiamo di aver perso una battaglia... la neve gioca a nascondino... e si è nascosta bene...

Noi però non ci arrendiamo, e subito troviamo una bella alternativa, andandocene sui Monti Reatini per raggiungere la vetta del Monte Tilia, da cui ammirare la valle di Leonessa e muovendo passi sopra ad una fetta di storia Angioina.

 

 

Attachments:
Download this file (relazione tilia na.pdf)relazione tilia na.pdf[ ]948 kB

CIASPOLATA DEL 16.02.2020

CIASPOLE IN APPENNINO

ALLA RICERCA DELLA NEVE IN UN INVERNO AVARO DI PRECIPITAZIONI

Anello della Majelletta

Dal parcheggio dell’Albergo Mamma Rosa al Blockhaus

Spolverate le vostre Ciaspole! Abbiamo trovato una località che ha conservato bene la poca neve caduta... Ci ritroveremo tutti in via Recanati, domenica 16 febbraio, per partire alle 7,15 in direzione di Passo Lanciano, e raggiungere il parcheggio antistante l'Albergo Mamma Rosa. Da li ci avvieremo per una escursione che ci porterà a salire su un emozionante balcone, con vista sulla Majella innevata, e che ci farà sentire gli echi storici della dominazione asburgica.

L'escursione è adatta per chi è abituato a fare esercizio fisico, e prevede l'uso di equipaggiamento invernale.

Prenotatevi presso la sede del CAI, mercoledì o venerdì dalle 19 alle 20.

Per i dettagli consultare la relazione.

 

Attachments:
Download this file (relazione.pdf)relazione.pdf[ ]748 kB

GIÚ LE MANI DALLA MONTAGNA DI TUTTI.

Domenica 8 dicembre ai Pantani di Accumoli c'erano oltre 250 Soci provenienti dalle Marche, dal Lazio e dall'Umbria, un bel gruppo di Legambiente Marche e alcuni residenti locali. Assieme per dire NO all'ennesima inutile volumetria decisa in sordina all'ombra del sisma, per illudere cinicamente le popolazioni che costruire di più in montagna risolleverà l'economia. Assieme per dire SÍ alla ricostruzione e alla riapertura urgente dei tanti rifugi che giá esistono nella zona, SÍ al turismo lento, rispettoso e costante nell'arco dell'anno, SÍ alla riapertura delle strade già esistenti e ancora chiuse, Sì al sostegno concreto delle economie locali attraverso tante attività legate al nostro Appennino, nel rispetto della sua fragile straordinaria bellezza, patrimonio di TUTTI. Giú le mani dalla montagna e sbrigatevi a ricostruire i paesi, piuttosto. https://www.facebook.com/caiascolipiceno/posts/2586339321443076

 

 

15 Dicembre :Tradizionale appuntamento per la chiusura della stagione: dalla città alla vetta del Monte Girella

Siamo giunti alla 14a edizione della classica di chiusura del programma sezionale di escursionismo che si svolge ogni anno l’8 dicembre. C’è chi si cimenta per devozione e chi invece intende misurarsi per capire se il fisico…. ancora regge. Per far spazio alla mobilitazione del Club Alpino Italiano a difesa dei Pantani di Accumoli, la nostra escursione tradizionale è stata posticipata al 15 dicembre. Certo è che la classica di fine stagione da Ascoli (Porta Cartara, quota 177 m) al Monte Girella - la vetta della Montagna dei Fiori (1814 m) – si presenta impegnativa: sono oltre 1600 metri di dislivello a salire e altrettanti a scendere che da ormai molti anni vengono affrontati in ogni condizione di tempo, senza che pioggia, neve e nebbia siano mai riuscite a fermare i nostri ardimentosi escursionisti. Ovviamente, sulla Montagna dei Fiori un ascolano si sente a casa propria; per lui il tracciato non presenta difficoltà di orientamento e riesce a farlo rispettando con precisione svizzera la tabella di marcia che per il percorso completo, andata e ritorno, richiede circa nove ore di cammino. 

 

Attachments:
Download this file (2019-12-15-Girella-RELAZIONE.pdf)2019-12-15-Girella-RELAZIONE.pdf[ ]1176 kB

DOMENICA 8 DICEMBRE AI PANTANI !

Cari Soci e Amici, domenica 8 dicembre le sezioni CAI del Centro Italia si sono date appuntamento ai Pantani di Accumoli per tutelare questo luogo speciale di prati, animali e silenzio, in continuità con il Parco dei Sibillini, contro la realizzazione di un inutile rifugio/albergo che ucciderebbe la magia dell'ambiente già aggredito dalla realizzazione di una strada, e allontanerebbe gli escursionisti di ogni stagione per ridurlo all'ennesima tappa di un turismo mordi e fuggi, motorizzato e concentrato nel periodo agostano.
Crediamo che il modo più efficace di sostenere le comunità locali sia, invece, di incentivare una frequentazione lenta, rispettosa dell'ambiente e destagionalizzata, che trovi accoglienza nei paesi e nei numerosi rifugi già esistenti, da ricostruire al più presto.
Date le scarse possibilità di parcheggio in zona, cercheremo di riempire le auto in partenza.
Vi invitiamo a prenotarvi entro mercoledì 4 dicembre (venerdì la sede è chiusa e la nostra mitica segreteria in trasferta al Miami di Villa Lempa per la cena sociale), in particolare i non soci che dovranno come di consueto attivare l'apposita assicurazione.
A causa di questo importante appuntamento, la tradizionale salita alla Girella è rinviata alla domenica successiva.

 

 

 

 

Attachments:
Download this file (Pantani 8 dic.pdf)Pantani 8 dic.pdf[ ]374 kB
Download this file (Pantani 8 dic.pdf)Pantani 8 dic.pdf[ ]374 kB

DOMENICA 24 NOVEMBRE : L'ALTRO SENTIERO

Traversata del Monte Coscerno in Valnerina
L’Appennino alternativo, secondo lo stile dell’omonima collana di libri della Società Editrice Ricerche (SER)
Parteciperanno all’escursione Alberico Alesi della SER e
Pierpaolo Mazzanti geologo e autore del libro “27 sfumature di verde – Valnerina, escursioni scelte.
Per la traversata è previsto un pullman, perciò sono già aperte le iscrizioni telefonando al seguente numero 3479127505
Come di consueto ci sarà la merenda/cena in un locale della zona, vi aspettiamo mercoledì e venerdì in sezione per le iscrizioni, a presto!

Attachments:
Download this file (Relazione l'altro sentiero.pdf)Relazione l'altro sentiero.pdf[ ]882 kB

Domenica 10 novembre 2019 : Da Camartina a Forca di Presta, l’antica via per Norcia

Domenica con un anello escursionistico nell’area del Monte Vettore. Percorreremo gli storici sentieri che dalla Camartina (719 m) ci porteranno verso la fonte della Cappella (1230 m) per proseguire a Sasso Tagliato (1520 m) per Arrivare a Forca di Presta. Il ritorno procediamo per il Sentiero per Tutti oltre il terremotato Rifugio degli Alpini deviando per Fonte delle Trocche (1339 m)  proseguendo fino alla Vena dei Corvi (914 m), dove svolteremmo per tornare al punto di partenza località Camartina. Attraverseremo il bosco sopra l’abitato di Canartina morfologicamente ancora monti della Laga per passare al termine del bosco in un sistema calcareo tipico dei monti Sibilli.