Itinerario MTB 1

Distanza: 14.5 Km – percorso 1 - 14.1 km – percorso 1a

Altitudine: 270 – 622 m

Dislivello in salita: 352 m

Dislivello in discesa: 352 m

Tempo totale necessario: 2 ore

Difficoltà: difficile il tratto su sentiero da Monestino a Vallicella. Se si segue da Monestino la strada asfaltata (variante a), il percorso è nel complesso facile

missing image file

Marsia (bivio Casacagnano) - ponte

Nativo - mulino Arena - Osoli - Monestino -

Vallicella - Marsia (bivio Casacagnano)

Accesso

Da Ascoli Piceno 13,7 km circa; 1 ora per l’andata e 30/40 minuti per il ritorno (in bici)

Tipo di strada

Su strada asfaltata sino ad Arena, poi su strada brecciata sino a Monestino. Su sentiero difficile e ripido sino a Vallicella, infine nuovamente su strada asfaltata per tornare al punto di partenza.

Da Monestino è possibile scendere in alternativa lungo la stretta strada asfaltata che scende a Vallicella.

Descrizione

Breve escursione di circa 2 ore che permette di assaporare oltre la classica escursione in mountain-bike anche alcune emergenze ambientali di notevole fascino, sicuramente inaspettate e ignote anche a molti escursionisti dell’ascolano.

Si parte dalla S.S. 78 Picena in prossimità del bivio per Casacagnano nell’abitato di Marsia e, dopo aver attraversato il Fluvione in direzione di Casagnano, si volta a sinistra e si raggiunge dopo qualche centinaio di metri il caratteristico Ponte Nativo, affascinante ponte naturale di roccia a picco sul Fluvione che corre 15 m al di sotto fra due verticali pareti di arenaria.

Attraversato il ponte, si torna sulla strada principale di Marsia e svoltando a destra, si prosegue su strada asfaltata sulla S.S. 78 Picena fino al bivio per Montegallo. Si prende a sinistra per Montegallo e si va avanti sino alla località Arena (circa 4,8 km dal punto di partenza).

Ad Arena si volta a sinistra e attraversando il ponte si può ammirare la bella cascata (circa 10 m) del torrente Fluvione, imponente nel periodo primaverile. Sulla destra del ponte si può visitare il mulino idraulico Pignoloni del 1629.

Oltrepassato il ponte dopo circa 50 m si prosegue a destra percorrendo la strada brecciata in salita sino a Osoli (circa km 3.3 da Arena). In corrispondenza delle ultime case del paese, si gira a sinistra per prendere lo sterrato in direzione di Monestino-Vallicella.

Il tratturo si snoda lungo la cresta in brevi saliscendi che in circa 2.2 km conducono alla località Monestino da dove la vista spazia dai Sibillini ai Monti Gemelli.

La strada, dopo un brevissimo strappo in salita, diviene asfaltata e scende verso Vallicella con due possibili alternative:

1) Proseguendo sulla stretta strada asfaltata si scende in circa 1.5 km alla frazione Vallicella.

1a) Dopo circa 500 m da Monestino si prende un tratturo a sinistra che diviene sentiero ripido e molto tecnico, per bikers esperti, da evitare con terreno bagnato per la presenza di scivolose lastre di arenaria ma, che in pochi minuti di entusiasmante discesa porta a Vallicella.

Dalla frazione Vallicella si scende per strada a tratti brecciata e dopo circa 700 m si gira a sinistra per la strada asfaltata sino a Marsia, raggiungendo il punto di partenza.

missing image file

Percorso 1a

missing image file

Ponte Nativo - Roccafluvione

Arena

In località Ponte Paoletti vi è l’omonimo ponte recentemente restaurato che conduce all’abitato di Arena. Qui si trovano il mulino Pignoloni e il ponte, entrambi risalenti alla prima metà del XVII secolo, una cascata, e l’abitato costituito da un gruppo di case arroccate sul fiume.

Alla base della cascata, sulla destra è ancora possibile vedere il vecchio asse su cui venivano fissate le pale del mulino.

Il ponte di roccia

Nel gergo comune dei cittadini di Roccafluvione si vuole indicare con il toponimo “Ponte Nativo”, la porta del capoluogo Marsia. Il toponimo deriva dal raro esempio di ponte naturale sullo splendido scenario che il torrente Fluvione offre scorrendo 15 metri circa più in basso. Si presume che la formazione di tale ponte sia dovuta all’instancabile azione erosiva del torrente sulla roccia tufacea. Sin dal passato questo ponte rappresentò un importante elemento di unione tra le due sponde del Fluvione; da un lato la villa Castello di Mozzano e dall’altro la comunità di Marsia. È suggestivo pensare all’importanza che tale struttura naturale ha avuto nel corso della storia e tuttora ha al fine di superare il dislivello che il torrente ha scavato. Ponte Nativo permetteva il collegamento con l’antico insediamento di Tronzano, quindi con la città di Ascoli senza dover incrociare la Salaria, evitando così incontri ravvicinati con i Romani, soprattutto nei periodi politicamente più instabili. Forse le origini dei primi insediamenti nella valle del Fluvione sono proprio da ricercare nella presenza di questa notevole opera della natura.

Sopra il ponte nel XVII sec. è stata eretta una piccola chiesa in onore della Madonna delle Grazie, solo successivamente dedicata a S. Antonio, tuttora luogo molto frequentato dai fedeli del posto. L’edificio è stato più volte sottoposto a rimaneggiamenti e resta caratteristico per il luogo in cui sorge e per gli ex-voto che vi si conservano.

Al suo interno viene conservata un’interessante tela settecentesca, raffigurante la Madonna con i Santi Antonio, Stefano e Giuseppe. Nel 1867, alla nascita del nuovo comune di Roccafluvione, il ponte venne scelto come emblema della comunità. Sicuramente esso ha rappresentato e rappresenta un simbolo per l’intera comunità e una sorta di monumento della natura.

(da AA. VV. - 2004)

missing image file
missing image file

In alto: il mulino idraulico Pignoloni in località Arena con la cascata

In basso: sulla strada per Osoli