Quote Associative

La Sezione ha fissato il costo delle quote come segue:

Soci Ordinari € 45,00
Soci Famigliari * € 24,00
Soci Juniores (18-25 anni)  € 24,00
Soci Giovani ** € 16,00
Tessera € 5,00

Con soli 4 € si possono raddoppiare i massimali per morte (da 55.000 € a 110.000 €) e invalidità permanente (da 80.000 € a 160.000 €) e aumentare il rimborso spese mediche (da 1.600 € a 2.000 €).

La tessera per i nuovi soci costa 5 €.

* Soci Familiari devono essere componenti della famiglia del Socio ordinario e con esso conviventi;

** Soci Giovani sono i minori di anni 18. Il secondo socio giovane di un socio ordinario pagherà solo 9 euro.

Il mancato rinnovo entro il 31 marzo comporterà la perdita al diritto della copertura assicurativa e l’invio delle riviste sociali che riprenderanno solo dopo che verrà regolarizzata la propria posizione sociale.
Per i nuovi soci, la cui iscrizione è trasmessa alla sede centrale nel periodo intercorrente tra il 2 novembre ed il 31 dicembre, sarà attiva esclusivamente la copertura assicurativa del Soccorso Alpino.

Dal 1° gennaio sarà attiva anche la copertura assicurativa infortuni in attività sociale.

Quota massimale integrativo € 4,00

IMPORTANTI LE NOVITA' PREVISTE IN MATERIA ASSICURATIVA DALLA SEDE CENTRALE DI MILANO A CHI RINNOVA

Per associarsi è necessario passare in sede nelle serate di apertura (mercoledì o venerdì dalle 19 alle 20) o, in caso di impossibilità, telefonare allo 0736_45158 (nell'orario di apertura) e concordare una diversa modalità.

Domenica 12 novembre Festa di S. Martino ad Amatrice

Affresco San MartinoIl tradizionale incontro giunto alla 21aedizione vede la partecipazione delle sezioni del gruppo Salaria in un contesto completamente stravolto dal sisma, ma nel contempo fortemente carico di solidarietà. Il ritrovo è alle ore 7,30 in via Recanati per raggiungere Amatrice, dove l’appuntamento è alle 9 presso il Piazzale del Comune per poi dirigersi al Giardino degli Alberi, dove alle 9,30 ha inizio l’escursione per arrivare alla chiesa di San Martino passando per il Sentiero CAI 300. A seguire: la Messa cantata, il pranzo e alle 14,30 il concerto del coro “Corale l’Aquila”.

Informazioni ed iscrizioni presso la sede CAI mercoledì e venerdì ore 19-20, oppure consultare il sito www.caiascoli.itdove è pubblicata la locandina dell'escursione.

INCONTRI D'AUTUNNO 2017: SABATO 11 NOVEMBRE SUL CONERO CON FRANCESCO BURATTINI

locandina web definitiva incontri autunno 2017

Puntuali con il mutare dei boschi, tornano i nostri Incontri d'Autunno presso la Libreria Rinascita, quest'anno dedicati ai legami, fragili e forti al tempo stesso, tra il territorio e le comunità che lo vivono.
Si inizia con Francesco Burattini, alpinista e autore di guide, che con la sua nuova guida ci accompagnerà a scoprire con occhi più consapevoli il Conero: un "gomito" di terra pregno di storia, dove la fatica dei cavatori di pietra ha tracciato i sentieri che oggi reggono un'economia del turismo.  Sabato 11 novembre alle ore 18:00 da Rinascita.

UN DONO DAL CAI DI AMATRICE: IL LIBRO BIANCO DEI SENTIERI.

Il "Libro bianco sulla sentieristica", che la Sezione di Amatrice ha voluto donarci, non è soltanto la storia dell'amore ventennale di Marco, Franco, Catia, Virginio, Paolo e di tanti Soci amatriciani per la loro terra di montagne bella e sfortunata. E' anche la testimonianza della tenacia straordinaria con cui hanno raccolto fra le macerie il loro coraggio, per rialzarsi e rimettersi in cammino, letteralmente.
"Ci si sarebbe potuti fermare, ma abbiamo deciso di non farlo", scrivono.
Lo abbiamo detto in tanti: è dai sentieri che riparte il Club Alpino Italiano. Per questo, al loro fianco sono arrivate tante e tante Sezioni, tanti e tanti Soci, a testimoniare vicinanza e condivisione, portando ciascuno il proprio filo per ritessere, prima di tutto, una comunità.
Uno di questi fili lega indissolubilmente i ragazzi e gli accompagnatori dei nostri gruppi dell'Alpinismo Giovanile, che da anni camminano, ridono e scherzano assieme sulla Laga, lungo i sentieri del ritorno. Grazie per il libro, grazie per il vostro coraggio.
image1

CORSO DI FORMAZIONE DOCENTI NEL PARCO NAZIONALE DEL GRAN PARADISO

Il Club Alpino Italiano, soggetto accreditato dal Ministero dell’Istruzione per la formazione del personale della scuola, organizza un nuovo corso nazionale di formazione per docenti dal titolo "UNA SCUOLA COI FIOCCHI - Uomo e natura nella montagna invernale" che si terrà da giovedì 15 a domenica 18 febbraio 2018 a Noasca (TO) – Valle dell’Orco, nel Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Il programma, nell’allegato file, è rivolto a docenti di Scuola Primaria e Secondaria di 1° grado delle diverse aree disciplinari.  Le iscrizioni dovranno pervenire secondo le modalità indicate nell’allegata scheda tecnica.

QUESTA SERA H22:30 RADIO ASCOLI.

cori alpini orti associazioni comunanze agrarie.jpg

Questa sera alle ore 22:30 a RADIO ASCOLI, per Il circolo della notte: "PRONTI, RIPARTENZA, VIA. Ripartire dalle comunità della montagna: una chiacchierata tra cori alpini, orti, associazioni e comunanze agrarie". Ospiti in studio rappresentanti delle comunità di Arquata Montegallo e del Cai.

I PRATI DI TUTTI

I monti Sibillini e il pregio paesaggistico dei prati

Questa che vi raccontiamo oggi è la storia di una comunità che si riprende un bene comune.

Comincia nel lontano 2003, quando un privato fa causa al Comune di Ascoli Piceno per rivendicarsi proprietario di quasi tutti i prati sulla"montagna degli Ascolani", tra Colle san Marco e San Giacomo, sostenendo di averli coltivati da oltre 20 anni.

La causa si trascina per un po’ di anni nel disinteresse dell’Amministrazione e della città: termini che scadono, rinvii, perfino una perizia d’ufficio disastrosa per il Comune. Che rischia di perdere la causa e, con essa, i prati di tutti.

Nel frattempo, il privato continua imperterrito ad arare gli spazi un tempo erbosi che, disseminati di zolle, si fanno impraticabili per le famiglie ascolane e per gli amanti della montagna.Alcuni cartelli che affermano la proprietà pubblica spariscono misteriosamente.

Un giorno, qualcuno nota la comparsa di sbarre metalliche sulle vie di accesso ai prati. E’ la goccia di troppo: la sezione CAI assieme ai circoli di Italia Nostra e Legambiente presentano un esposto. Il Comune esce dal lungo sonno e dispone la rimozione delle sbarre. CAI in testa, le associazioni intervengono nella causa a sostegno del Comune e in difesa dei prati sui quali generazioni di ascolani hanno campeggiato, giocato, camminato, sciato. I prati sui quali acerbi e coraggiosi partigiani hanno combattuto al prezzo della vita, meritando al Comune ascolano la medaglia d’oro al valor militare per attività partigiana. I prati solcati da una rete di sentieri che una norma proposta dalla nostra Sezione pone sotto la tutela del nuovo piano regolatore.

L’opinione pubblica si sveglia, grazie anche ad una lettera di allarme alle istituzioni locali di cui è primo firmatario l’allora presidente generale del CAI, che"trascina" le firme dei presidenti di Italia Nostra e Legambiente.

Le associazioni sono assistite da un collegio gratuito, che fornisce strumenti di difesa al Comune. Soci e cittadini contribuiscono con foto e racconti intrisi di amore per quei pezzetti di montagna, in cui compaiono bambini, cani, escursionisti.

Insieme, associazioni e Comune convincono il tribunale a disporre una nuova perizia d’ufficio, grazie alla quale saltano finalmente fuori i vincoli paesaggistici, ambientali, idrogeologici a tutela dei prati. La sentenza stabilisce pure che coltivare un terreno non basta per diventarne proprietario con l’usucapione, perché il possesso non è esclusivo: nè potrebbe esserlo, se il popolo della montagna frequenta quei terreni da tempo immemore.

I prati che il privato voleva trasformare in "cosa sua" tornano ad essere di tutti, in un territorio che di bellezza ora ha tanto bisogno.

E’ una storia a lieto fine. Ed è vera.

http://www.picusonline.it/visualizza/39764.html

 

UNA FIRMA AL CAPO DELLO STATO PER PREVENIRE GLI INCENDI

incendio.jpg.jpg

In Maiella il Morrone sta andando in cenere, a causa di un mix letale di criminalità e insufficienza dei corpi e dei mezzi antincendio.    Incendi divampano nel Lazio e in altre regioni, distruggendo il nostro patrimonio boschivo. Raccogliamo e rilanciamo la petizione avviata dal nostro Socio Massimiliano Salce, per un intervento del Capo dello Stato di sollecito alle Camere, affinchè adottino mezzi repressivi e preventivi più adeguati.   Ci scrive Massimiliano Salce: Ringrazio tutti voi per quel che potrete fare (fare in termini, ora, solo di prevenzione futura) per la devastazione totale di una montagna "sacra".  Sacra come valore laico e come punto in  comune con la spiritualità di chi crede, come Celestino V che lì dimorò e di chi è agnostico o ateo ed ha in comune il valore della sacralità della natura e dell'ambiente che è vita. Siate sempre vigili anche per le vostre montagne. San Marco, i Sibillini....noi oggi abbiamo perso un intero comprensorio, hanno bruciato tutto ed è stata evidente l'assenza di una azione preventiva. Abbiamo una montagna che ora è spettrale. Solo cenere. Tutto è andato perso ! Fate che non accada da voi. Ve lo chiedo con il cuore. Siate vigili e chiedete prevenzione per tempo !!! Grazie inoltre per esservi riappropriati dei vostri diritti che la Costituzione assicura a tutti noi, dopo il sangue che è costata ! La Costituzione si tiene in vita non celebrandola ma usandola a fondo. Vostro (e onorato di essere socio "abruzzese" presso la vostra sezione). Massimiliano Salce In allegato, il testo della petizione che potete firmare in sede negli orari di apertura.  Non occorre un documento. 

Attachments:
Download this file (petizione PDR incendi.pdf)petizione PDR incendi.pdf[ ]42 kB

EMERGENZA E PREVENZIONE.

Esercito a Valle Castellana

In occasione di un'allerta meteo nota da settimane, centinaia di paesi e frazioni in quattro regioni, già colpiti dalla crisi sismica, hanno subito un isolamento inaccettabilmente lungo al buio e al freddo, a causa della letale combinazione di una protratta mancanza di elettricità e dell'interruzione della viabilità principale.

Un sentito ringraziamento va a tutti i soccorritori, professionisti e volontari, che si sono prodigati con grande competenza e generosità nel dare assistenza alla popolazione e che ancora lavorano al ripristino della normalità.  Un plauso doveroso anche all'Esercito Italiano, che in tante situazioni estreme é stato risolutivo, con il numero dei soldati e i mezzi speciali. 

Ma auspichiamo che ci sia presto occasione di ragionare con le istituzioni competenti su emergenza e prevenzione, perchè crediamo fermamente che sia un diritto delle nostre comunità pretendere di non avere bisogno di salvatori, se non per calamità vere; e di non morire mai più di eventi naturali come la neve, la pioggia o il terremoto.

Perché non credo nel CAI dei servizi

Riportiamo l'articolo scritto da Paola Romanucci e pubblicato sul bolg di Alessandro Gogna (banff.it)


Scusandomi per aver trovato solo ora il tempo (ma “è il volontariato, bellezza”), cercherò di spiegare perché non credo al CAI evocato dai documenti congressuali che demanda a un’“azienda profit” di erogare servizi ai soci “e al resto del mondo”.

Perché la montagna non è un servizio essenziale, ma una scelta che è bello lasciare aperta a più opzioni: imparare a frequentarla in modo consapevole e autonomo, da soli o con il CAI, oppure affidarsi a professionisti.

C’è spazio per tutti.

Perché l’obiettivo legittimo di una soggetto professionale che “offre servizi” nell’ambito della montagna è di trarne un giusto profitto.

L’obiettivo di un volontario del CAI è di trasmettere ad altri la propria passione e conoscenza, per il puro gusto di farlo.

Un sapere modesto e limitato, se vogliamo: ma il proprio, non quello di altri.

A piedi, sugli sci, in sella a una bici o in parete, questa è forse la radice più profonda di ogni “volontario della montagna”.

Interporre i professionisti tra la passione dei volontari e i soci finirebbe per essiccare quella radice che ci identifica e ci lega, noi tutti così diversi, dentro lo stesso sodalizio.

E un CAI che scegliesse di “offrire servizi” tramite soggetti professionali sarebbe presto orientato a incontrare sempre di più la “domanda” di montagna “facile e sicura”: ciaspolate, scialpinistiche medio-facili, ferrate; perché no, utilizzo di mezzi di risalita e magari perfino eliski.

Con buona pace del Bidecalogo.